Ferrea on web

Abbiamo dovuto fermare tutte le nostre attività all’improvviso senza avere la possibilità di salutarci, stavamo organizzando le immersioni per la nuova stagione, pensavamo che Codogno fosse lontana e la Cina ancora di più mentre il battesimo dei primi grado si stava avvicinando e l’organizzazione del nostro week-end all’Elba era al culmine.
Poi, una Domenica, ci hanno detto di non uscire di casa se non per situazioni di assoluta necessità, le attività sportive sono state chiuse e noi non ci siamo più potuti incontrare. Lezioni subito bloccate e di immersioni neanche a parlarne, lo stop sarebbe durato due settimane.
Ormai sappiamo bene che non sarebbe stato così, il periodo si è allungato ed è diventato molto nero, qualcuno di noi ha perso degli affetti, altri stanno combattendo in prima linea, la maggior parte di noi ha passato gli ultimi due mesi chiusa in casa, tra smart working e cassa integrazione, senza poter incontrare parenti e amici, chiedendoci quando avrebbero riaperto le piscine e quando avremmo potuto tornare ad immergerci.
Sembrava tutto bloccato ma la voglia di incontrarci è rimasta e, piano piano, sono comparse timidamente le prime lezioni on-line, tenute dai nostri istruttori, con il timore di non riuscire a trasmettere lo stesso sentimento e, contemporaneamente, con la gioia di rivedere i propri allievi e poter tornare a parlare di subacquea.
La prima fase l’abbiamo passata così, come ci vedete in questa immagine. Avete partecipato in tanti e con entusiasmo, le lezioni sono diventate regolari. Abbiamo trovato il modo di incontrarci tutte le settimane come sempre e farci due risate ma, ora, si sente l’avvicinarsi dell’acqua, arrivano le prime raccomandazioni del DAN, le prime voci di una possibile apertura nei confronti della subacquea, quanti di voi hanno già la borsa pronta?
In attesa di buone notizie continueremo ad incontrarci nel web, dentro queste finestrelle che ci catturano dentro casa, un po’ grigini, con voci metalliche, senza poter parlare contemporaneamente, perdendo i primi 10 minuti a risolvere i problemi di connessione, ma con una birra in mano, una battuta pronta e tanta tanta voglia di stare insieme.

Angela Gatti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *